Procedure a cielo aperto nelle lesioni del tendine del capo lungo del bicipite

L. Novè-Josserand, P. Boileau, G.Walch

Le patologie del tendine del capo lungo del bicipite includono la tendinite,
la sublussazione mediale o dislocazione e la rottura. Tali lesioni si verificano
quasi esclusivamente in presenza di altre patologie della spalla, di solito
a carico della cuffia dei rotatori. Il trattamento delle patologie a carico
del tendine del bicipite costituisce un argomento controverso, soprattutto
a causa del dibattito in corso circa il suo significato funzionale nell'articolazione
glenoomerale. La procedura applicata di routine nei casi di lesione del capo
lungo del bicipite è la tenodesi. Basandosi sulla cosiddetta tecnica ""dal
buco della serratura"", introdotta da Froimson e modificata da Post, uno degli
Autori di questo capitolo (G. Walch) ha sviluppato una tecnica di tenodesi
del bicipite che prevede l'utilizzo di una vite a interferenza riassorbibile.
Nei casi di sublussazione o dislocazione del capo lungo del bicipite è possibile
tentare il trattamento conservativo, riposizionando il tendine all'interno
del suo solco. A seconda della forma del tendine, può essere necessario
il rimodellamento del tendine stesso (utilizzando suture scorrevoli) o del
solco bicipitale (volto ad aumentarne la profondità). I risultati della
procedura di ricentramento del capo lungo del bicipite sono piuttosto deludenti.

© 2003, Editions Scientifiques et Mèdicales Elsevier SAS. Tutti i diritti riservati.

Abbonati online

Mastercard
Visa
American Express
Discovery
Paypal