Fratture metacarpali

A.S. Touliatos, P.N. Soucacos

Fratture metacarpali comminute istabili o scomposte, fratture associate ad
altre scomposte nella stessa mano, o con trauma multiplo, fratture metacarpali
aperte e fratture metacarpali con danno tendineo, nervoso o vascolare costituiscono
le indicazioni per riduzione aperta con fissazione interna. Le fratture metacarpali
trasversali sono trattate con tecniche di placcaggio compressivo. Per la maggior
parte delle fratture metacarpali diafisarie trasversali, è preferibile
l 'applicazione dorsale di una placca a compressione dinamica da 2. 0-2. 7 mm
con 4-6 fori, ma nelle situazioni stabili si usano placche tubulari con ingombro
inferiore, di un quarto. Se la frattura è metafisaria, si utilizzano
placche minicondilari, a T o angolate con tecnica di compressione analoga. Una
linea di frattura uguale o superiore al doppio del diametro maggiore dell 'osso
nell 'area di frattura (fratture oblique lunghe)richiede come minimo due viti
lag di adeguata lunghezza. Per una linea di frattura inferiore al doppio del
diametro maggiore dell 'osso nell 'area di frattura (fratture oblique corte)si
posiziona una vite lag esternamente alla placca, in modo compressivo. In fratture
con severa comminuzione e perdita ossea, o insufficiente contatto corticale
in corrispondenza della placca, è indicato un innesto osseo. Fratture-lussazioni
scomposte e/o comminute della quinta articolazione carpometacarpale vengono
ridotte con trazione longitudinale lungo la diafisi del quinto metacarpale,
seguita da pressione alla base del metacarpale. È relativamente facile
ridurre fratture-lussazioni a livelli multipli delle articolazioni carpometacarpali
con trazione lungo la diafisi metacarpale e pressione diretta alla base del
metacarpo. La stabilizzazione è poi assicurata dall 'utilizzo di fili
di K, posizionati obliquamente attraverso le articolazioni carpometacarpali
fino alla prima filiera delle ossa carpali del polso. Si definiscono inveterate
le fratture metacarpali complicate da ritardo di consolidazione, mancata consolidazione,
consolidazione viziosa. Il trattamento specifico di una frattura inveterata
dipende dal tipo di complicanza presente (per esempio consolidazione viziosa,
ritardo di consolidazione ecc. ). Le complicanze della riduzione aperta e fissazione
interna delle fratture metacarpali sono: formazione di aderenze, mancata consolidazione,
consolidazione viziosa, mobilizzazione o rottura dell 'impianto, infezione,
cicatrice cronica o dolore di origine nervosa, algodistrofia.


© 2001, Editions Scientifiques et Médicales Elsevier SAS. Tutti
i diritti riservati.


Abbonati online

Mastercard
Visa
American Express
Discovery
Paypal